L’arte della SEO: come far apparire il proprio sito su Google

insegna google logo

Hai un sito internet da molti anni ma non riesci a trovarlo su Google?

Hai provato ad effettuare diverse ricerche ma non compare mai nei risultati di ricerca? Quello che stai verificando è il suo posizionamento sul motore di ricerca e, nel 2019, non c’è cosa peggiore dell’avere un sito e notare che è invisibile nel web.

Internet è un canale molto importante per aumentare la visibilità di un’azienda ed attrarre nuovi utenti: avere un buon posizionamento costituisce una base imprescindibile per costruire una strategia di crescita online.

La scienza dell’interpretazione dell’algoritmo di Google per trovare le giuste tecniche per essere indicizzati più velocemente si chiama SEO (Search Engine Optimization).

Queste tecniche puntano a far aumentare i visitatori organici o “naturali” di un sito, ovvero quelle persone che vi accedono partendo da una ricerca attiva di una o più parole chiave.

Questi visitatori sono molto preziosi per le aziende perchè a differenza dei visitatori portati sul sito dalle pubblicità a pagamento, sono a costo zero. Inoltre, si tratta di utenti molto più validi perchè arrivano sul sito dopo aver ricercato attivamente i tuoi prodotti o servizi e sono quindi più propensi ad acquistare o ad inviare una richiesta di preventivo, rispetto a quelli “colpiti” dalla pubblicità.

Le strategie SEO per migliorare l’indicizzazione di un sito lavorano principalmente sulle parole chiave inserite nelle url delle pagine, nei titoli e nei testi (ad es. descrizione dell’azienda, dei prodotti o servizi, articoli del blog, etc.).

La qualità dei contenuti proposti agli utenti è il primo fattore da considerare, dato che negli ultimi anni Google ha iniziato a penalizzare tutte le azioni che vengono percepite come poco naturali, come la sovrabbondanza delle stesse parole chiave all’interno di un testo (keyword stuffing) o l’eccesso di link in ingresso al sito non contestualizzati (link building).

Su cosa bisogna puntare quindi?

La risposta è la qualità: un sito ben strutturato, facilmente navigabile da mobile, veloce nel caricamento e con buoni contenuti piace sicuramente a Google.

Viene premiata anche la freschezza dei contenuti, per cui un sito che è in grado di generarne di nuovi, magari attraverso una sezione blog, aumenta le possibilità di intercettare nuovi utenti interessati ai prodotti o servizi che l’azienda offre.

A prescindere dalla tecnica specifica, puntare sulla qualità rappresenta sempre un ottimo punto di partenza per sfruttare la visibilità online ed impostare strategie di successo. A differenza delle scorciatoie, che possono creare picchi momentanei di traffico, è una soluzione che può richiedere più tempo per mostrare risultati. In ogni caso, si tratta di un investimento duraturo e in grado di generare grande valore sul lungo periodo.

Da dove bisogna partire per farsi trovare su Google?

Per ottenere un buon posizionamento in tempi rapidi la cosa migliore è quella di considerare la SEO già in fase di progettazione e costruzione del sito web.

Infatti, molti degli elementi che influenzano l’indicizzazione di un sito sono inclusi nella struttura delle pagine: immagini, titoli, link, descrizioni e testi alternativi vanno analizzati con cura, in modo da non dover perdere tempo (e soldi!) nel rifarli una volta che il sito è online.

Per questo motivo, i siti “fai da te” in genere fanno più fatica ad essere visibili o richiedono molto più tempo.

E’ inoltre fondamentale che il sito sia ottimizzato per la navigazione da dispositivi mobili, che ormai rappresentano una percentuale del traffico web rilevante.

Alma consiglia: alcuni semplici trucchi SEO

Ecco alcuni suggerimenti per chi vuole migliorare la visibilità del proprio sito web nei risultati di ricerca di Google:

  • Ottimizza i contenuti del tuo sito per raggiungere buone prestazioni nel caricamento sia da mobile che da desktop. infatti, puoi avere anche i migliori contenuti del web, ma se il sito tarda a caricarsi gli utenti lo abbandoneranno ancora prima di leggerli.
  • Attiva i profili social per la tua azienda in modo da presidiare la prima pagina dei risultati di ricerca su Google. Una buona strategia per aumentare la visibilità nella prima pagina dei risultati e “rubare” spazio alla concorrenza.
  • Attiva una scheda su Google My Business. E’ una sezione che compare sempre nella parte alta dei risultati di ricerca e ti permette di aumentare la visibilità anche attraverso l’inserimento di immagini.
  • Inserisci l’indirizzo della tua attività su Google Maps in modo che gli utenti ti trovino velocemente e possano passare a trovarti senza dover fare troppe ricerche.

Affidati a dei professionisti

Al giorno d’oggi avere un sito web è solo il primo passo per raggiungere l’enorme pubblico potenziale che naviga in rete. E’ necessario anche che sia visibile dai principali motori di ricerca.

Se hai bisogno di rifare il tuo sito internet e aumentare la visibilità su Google in Alma possiamo aiutarti con progetti su misura che, con costi contenuti, possono portare risultati già in pochi mesi.